venerdì 17 agosto 2018
La mia Ostia
facebook youtube instagram twitter pinterest

Tornano le barchette di San Pietro, gli idrozoi azzurri che colorano la spiaggia

Vi ricordate le invasioni del maggio 2014 e 2015? Chissà se è l'inizio di una nuova esplosione di azzurro sulla spiaggia



Nel maggio 2014 (Link) e in quello 2015 (Link) Ostia e moltissime spiagge del Tirreno furono invase da uno spiaggiamento inconsueto dell'idrozoo Velella velella, conosciuto come barchetta di San Pietro per la sua caratteristica vela, una cresta che permette all'animale di spostarsi in mare aperto come fosse una vera e propria imbarcazione.
Sono animali pelagici ma durante violenti temporali o in condizioni di vento forte e mare mosso, vengano trasportati in grandi ammassi sulle spiagge concludendo il loro ciclo vitale.

"Normalmente la presenza di questo organismo ci fa ben sperare, perché indica acque pulite ed attrae numerose specie di pesci in vicinanza delle coste, tanto che spesso nelle zone di pesca esse viene anche utilizzata come esca.
Negli ultimi anni l’entità degli spiaggiamenti è notevolmente aumentata; al fenomeno sono state attribuite varie cause come ad esempio maggiori controlli degli scarichi in mare e quindi minore inquinamento marino. Un’altra causa è stata attribuita alla scomparsa della tartaruga marina che era uno dei maggiori predatori delle velelle.
D’altro canto c’è anche chi ritiene che le elevate concentrazioni delle colonie di velella, riscontrate negli ultimi anni possono però influire negativamente sull’ecosistema marino, ed in particolare sulla pesca, poiché quest’organismo è un predatore di plancton e soprattutto di uova di pesci." (fonte Mare vivo)



Tornano le barchette di San Pietro, gli idrozoi azzurri che colorano la spiaggia


Tornano le barchette di San Pietro, gli idrozoi azzurri che colorano la spiaggia


Tornano le barchette di San Pietro, gli idrozoi azzurri che colorano la spiaggia

di Aldo Marinelli del 18 marzo 2018

Natura


Quando il ragno è vittima e non carnefice

Quando il ragno è vittima e non carnefice

La vespa dalle lunghe zampe, lo Sceliphron, è solita predare i giovani ragni lupo per le proprie larve...scopriamo di più

di Aldo Marinelli del 09 agosto 2018

 
La berta maggiore, una specie simbolo del nostro mare

La berta maggiore, una specie simbolo del nostro mare

Lo spettacolo di vederla volare a pelo d’acqua, al largo del mare di Ostia

di Aldo Marinelli del 07 agosto 2018

 
La Cyrtophora citricola: il ragno ingegnere

La Cyrtophora citricola: il ragno ingegnere

Guardate bene nelle fronde dei rovi e della macchia: rimarrete stupiti per la perfezione delle opere di questi animali

di Aldo Marinelli del 02 agosto 2018

 
Nel regno degli argiopi

Nel regno degli argiopi

Tantissimi ragni concentrati in poco spazio: è il loro regno nella Pineta delle Acque Rosse

di Aldo Marinelli del 20 luglio 2018

 
Curriculum |m@il | © 2013 2017 LaMiaOstia la mia ostia

Registrazione presso il Tribunale di Roma n.143/2016 dell'11 luglio 2016