venerdì 22 novembre 2019
La mia Ostia
facebook youtube instagram twitter pinterest

Federica Ranciaro: il litorale romano ha anche tanta voglia di rialzarsi

Vivere a Ostia non mi è mai piaciuto, ma avrò sempre quel senso di appartenenza che lega tutti i romani al proprio quartiere, la amerò sempre.

Obiettivo Ostia è stato una riscoperta del mio territorio, della mia città. Ostia, il mio quartiere, la mia vita e la mia casa. Vivere a Ostia non mi è mai piaciuto, ma avrò sempre quel senso di appartenenza che lega tutti i romani al proprio quartiere, la amerò sempre.
Il litorale romano ha tanti difetti, troppi, ma ha anche tanta voglia di rialzarsi. Questo l’ho sempre saputo, ma grazie al percorso con Aldo ci credo anche. Ostia è un po’ così, come la foto: il gabbiano è morto, sul punto di degradarsi, ma si poggia sulla sabbia e dietro ha un mare bellissimo.

Federica Ranciaro: il litorale romano ha anche tanta voglia di rialzarsi


Ostia è anche verde. Tantissimo verde. Una pineta sconfinata, la riserva di Procoio, ai piu’ sconosciuta, anche a me. Al di là di via del Promontori, dietro la bocciofila, si innalzano fittissimi gli alberi, il sole non si vede, il cielo neanche. Si sentono il fruscio degli alberi e il canto degli uccelli. Poi, di punto in bianco, ricompare il sole, il cielo, il caldo e il paesaggio diventa una pianura a dir poco suggestiva. Sembra tutto troppo bello. La spensieratezza del paesaggio è spezzata dal ricordo di Simeone e dal suo memoriale, che riportano alla luce una storia di decenni fa, una raccontata troppo poco e che, ancora una volta, getta ombra su Ostia.

Federica Ranciaro: il litorale romano ha anche tanta voglia di rialzarsi

Di tuffi nel passato ce ne sono stati più di uno, questa volta di molti secoli. La così detta Villa di Plinio, una volta affacciata sul mare, è stata una delle nostre tappe. Luogo sconosciuto a un buon 95% della popolazione ostiense, complici il (quasi) completo abbandono delle istituzioni e la difficoltà che si riscontra nel raggiungerla.
Mi chiedo: come è mai possibile tutto questo? Un bene così prezioso abbandonato, lasciato a se stesso. Gli unici punti d’accesso sulla Colombo, dove si deve poi camminare nella pineta: non uno straccio di indicazioni. Anche questa è Ostia. Anzi, soprattutto questa: bellezze immense lasciate a loro stesse, senza un minimo di interesse. Uno spunto di cultura sconosciuto a tutti, mai valorizzato. Perché deve essere così?

Federica Ranciaro: il litorale romano ha anche tanta voglia di rialzarsi


E’ così anche l’Idroscalo, lembo di terra fra il porto, il Tevere e il mare. Un mare bellissimo, frastagliato da scogli che creano giochi d’acqua bellissimi con le onde. Spalle alla costa il paesaggio cambia: sembra di essere ai confini del mondo, si sente un eco fortissimo, quello dell’abbandono. Abbandono di tutti, del comune, del municipio, della gente. Sì, perché quando dici a qualcuno che vai all’Idroscalo la risposta media che ricevi è: “Ma no, lì nun c’annà che nun torni piu’”. Invece io all’Idroscalo ci manderei tanta gente, per far capire cos'è l’umanità, come si vive in una comunità dove tutti si aiutano. All’Idroscalo nessuno è diverso. Italiani, rumeni, rom. Loro si aiutano tutti, perché sono tutti in difficoltà, tutti lottano per un posto migliore. Un posto che non sia così distaccato dal resto del mondo, un posto che abbia strade, case a norma, un parco, magari una scuola. Franca vive all’Idroscalo da una vita, con sua figlia e i suoi nipoti. Vive aiutando il prossimo, non si ferma mai, è il simbolo di questo posto. Chi vive all’Idroscalo non se ne vuole andare, vuole rimanere e combattere per la sua casa. Questo senso di appartenenza mi è rimasto impresso da quando la figlia di Franca ci ha guardato e ci ha detto: “Ma io perché me ne devo annà? Questa è casa mia. Io qua ce so nata e so sicura che ce moro e me ce seppelliscono”.

Federica Ranciaro: il litorale romano ha anche tanta voglia di rialzarsi


Federica Ranciaro: il litorale romano ha anche tanta voglia di rialzarsi

La nostra ultima tappa di questo viaggio bellissimo inizia con questo volto: uno di quei volti chi ha vissuto e sopportato tanto. E’ il volto di un uomo che ha sempre vissuto e tutt’ora vive di pesca, di mare. Dice che al mare, a largo, trova una pace che altrove non trova, è lontano dai rumori della vita quotidiana, del Borghetto. Il Borghetto dei Pescatori è un luogo magico, a ridosso del Canale dei Pescatori; sembra di trovarsi in un’altra epoca, è un luogo d’altri tempi. E’ tutto concentrato intorno alla piazza, al centro della quale regna sovrano san Nicola, protettore dei marinai. Il canale è intervallato da ponticelli, costellato di barche e barchette. La cose più bella è che ognuna di esse racconta una storia, una storia sempre diversa, mai banale. Ma hanno una cosa in comune: tutte parlano di mare.

Federica Ranciaro: il litorale romano ha anche tanta voglia di rialzarsi


Federica Ranciaro: il litorale romano ha anche tanta voglia di rialzarsi


Federica Ranciaro: il litorale romano ha anche tanta voglia di rialzarsi


Mi trovo d’accordo con il pescatore: in mare aperto ci sono una pace e un silenzio fuori dal comune, rumori finalmente diversi da quello delle macchine o della gente che parla. Ma in mare c’è anche tanta adrenalina, voglia di superare i limiti e le barriere della natura, c’è tanta libertà. Quando sei su un catamarano o una barca a vela ti si sgombra la mente, ti si libera la testa e pensi solo a superare te stesso e raggiungere quella linea all'orizzonte.

Federica Ranciaro: il litorale romano ha anche tanta voglia di rialzarsi

di Aldo Marinelli del 23 giugno 2019

Speciali


Le buste misteriose

Le buste misteriose

Il nostro biologo marino Filippo Fratini ha scoperto stamattina questa strana abbondanza di buste di plastica sulle nostre spiagge...cerchiamo di scoprire qualcosa in più

di Aldo Marinelli del 04 novembre 2019

 
La tenuta di Procoio vista dal drone: tanta natura da difendere

La tenuta di Procoio vista dal drone: tanta natura da difendere

Un volo tra gli alberi della Tenuta di Procoio, un bene prezioso da difendere

di Aldo Marinelli del 13 ottobre 2019

 
Stefano Fioretti, il Vigile del Fuoco di Ostia che ha salvato i tre bambini di Ischia

Stefano Fioretti, il Vigile del Fuoco di Ostia che ha salvato i tre bambini di Ischia

Stefano, Vigile del Fuoco nella caserma di Ostia, insieme al suo collega Marco De Felici, racconta come ha portato in salvo i tre bambini di Casamicciola, Paqualino, Mattias e Ciro, intrappolati sotto le macerie del terremoto

di Aldo Marinelli del 05 settembre 2017

 
Perchè ad Ostia si vede l'alba sul mare?

Perchè ad Ostia si vede l'alba sul mare?

Analizziamo i movimenti del sole all'alba e al tramonto nel corso di un anno; da novembre a febbraio sia l'alba che il tramonto sono visibili sul mare, come riferimento il nostro pontile

di Aldo Marinelli del 16 settembre 2016

 
Curriculum |m@il | © 2013 2017 LaMiaOstia la mia ostia

Registrazione presso il Tribunale di Roma n.143/2016 dell'11 luglio 2016